Articolo pubblicato su La Voce delle Valli

Una stagione 2018/19 a due velocità il primo campionato di Promozione nella storia del San Pellegrino. Se, infatti, all’andata i ragazzi allenati da mister Rota hanno faticato ad adattarsi al salto di categoria, nel girone di ritorno i biancorossi hanno cambiato decisamente marcia riuscendo, ad un certo punto ad intravedere, addirittura i playoff. La salvezza – che era evidentemente l’obiettivo – è arrivata con due giornate di anticipo. Conservare la categoria sarà l’obiettivo anche per il prossimo anno, segno di una società con i piedi per terra e che vuole fare un passo alla volta.

“La campagna acquisti è finita – spiega il direttore sportivo Stefano Tassis -. Abbiamo cambiato diversi uomini importanti, soprattutto a centrocampo dove il nostro capitano Sonzogni e il vice-capitano Milesi, due bandiere e pilastri della nostra squadra, si sono fermati per un anno “di riflessione”. Ci ha lasciato anche l’esperto Chiappa, che negli ultimi due anni ci ha dato tanto ordine e qualità e ha fatto da chioccia per i più giovani”.

Cambio totale per i portieri. Il nuovo numero uno sarà Uriel Salvi di Villa d’Almè, classe ’89, lo scorso anno alla Vertovese in Eccellenza; gli altri due estremi difensori saranno il sampellegrinese Matteo Pianetti del ’99, prodotto del vivaio lo scorso anno in prestito al Fratelli Calvi (Terza Categoria) e il giovanissimo talento Niccolò Minossi (attenzionato da società di categoria superiore, ma che ha deciso di restare al San Pellegrino), classe 2003, ragazzo di Carona su cui la società punta molto.

In difesa acquistato Simone Biffi del 2001 dal Villa d’Almè Valbrembana (Serie D), ma è il centrocampo il reparto con più innesti vista la “pausa di riflessione” di Sonzogni e Milesi: Matteo Donadoni, centrocampista della Colognese (Promozione) classe ’89, lo zognese Nicola Ghisalberti, classe ’91, lo scorso anno a Paladina (Prima Categoria), un jolly di centrocampo. Ritornano a casa Giovanni Panza, lo scorso anno alla Zognese (Seconda Categoria), trequartista classe ’89, e l’esterno alto Alessandro Brugnetti classe 2001 dal Villa d’Almè Valbrembana (Serie D). Ad affiancare bomber Issa Sissoko ci sarà (l’omonimo) Issa Sarre, bomber dell’Azzano Fiorente Grassobbio (la scorsa stagione in Prima Categoria, promossa in Promozione ai playoff), classe ’94.

Una campagna acquisti attenta,mirata e senza troppi stravolgimenti ad eccezione del centrocampo dove il forfait di capitan Sonzogni e il vice Milesi hanno lasciato un vuoto che andava assolutamente colmato con innesti di livello. Dello staff tecnico unico cambio l’allenatore dei portieri: ingaggiato Roberto Villa dalla Fiorente Colognola (anche collaboratore del Verona).

Obiettivo? “Vorremmo fare un po’ meglio rispetto all’anno scorso – sottolinea Tassis -. È stato un anno importante, perché era il primo anno in Promozione e ci si siamo salvati con due giornate dalla fine. All’andata però abbiamo perso dieci partite su quindici. Come società, ci aspettiamo di migliorare e continuare a conservare la categoria. Quest’anno ci attende un girone ancora più duro, con un livello molto alto: con solo tre giovani (obbligo di un ’99, un 2000, un 2001 in campo ndr) in campo rispetto ai quattro della stagione scorsa il livello si alza inevitabilmente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *